E’ sempre il momento giusto per chiedere un Mutuo Sefim Group…

E’ sempre il momento giusto per chiedere un Mutuo Sefim Group…

Dopo lo spread schizzato ai massimi livelli e il trambusto dei mercati finanziari di fine anno scorso ci si aspettava il peggio, e invece l’allarme sembra essere rientrato e la situazioni mutui torna a essere buona .

La reazione delle famiglie ai rialzi dello spread

La promessa di una cautela sui tassi annunciata su piazza europea è stata dunque mantenuta, e quello che sta accadendo ai prezzi dei nostri mutui è in buona conseguenza la reazione delle banche al clima incerto degli ultimi mesi. “Le mosse al rialzo degli spread bancari si sono rivelate casi isolati e solo nei prossimi mesi capiremo se altre banche seguiranno questa linea.

Se si guarda bene alle conseguenze del momento di massima tensione e di spread a 300, si rileva che le decisioni di acquisto delle famiglie sui mutui non sono cambiate: al massimo, quello che è accaduto è che chi ha acquistato casa lo ha fatto in tutta sicurezza, scegliendo nella quasi totalità dei casi un tasso fisso. I mutui a tasso fisso sono stati l’84,3% sul totale della domanda, e ben l’89,2% delle erogazioni degli istituti di credito . Un vero e proprio plebiscito in nome della sicurezza .

Quanto costa adesso un mutuo

Allo stato attuale un giovane con un impiego a tempo indeterminato che richiede un mutuo a 20 anni a tasso fisso, può ottenerlo con un tasso che oscilla tra l’1,65% e l’1,85%, mentre su un variabile riesce a strappare dallo 0,8% all’1%.

Sui 30 anni i tassi si alzano e si attestano tra il 2,1% e il 2,68% per il fisso e tra lo 0,9%e l’1,3% per il variabile.

Spuntare ancora ottime condizioni si può, e per farlo basta solo compilare il format nel nostro sito www.sefimgroup.it verrai immediatamente contattato da un nostro consulente specializzato in mutui casa con offerte personalizzate su ogni differente profilo di mutuatario .

C’è ancora da avere paura dello spread?

Dal valore di 110 punti base di inizio 2018 ai 320 di fine novembre, ai 250 punti di oggi: si può dire che l’allarme in buona parte sia rientrato, ma non si possono evidentemente escludere successivi aumenti. L’incremento nei tassi dei mutui di 40-50 punti base non ha tuttavia spostato la domanda, semplicemente perché il costo dei finanziamenti è aumentato di poco.

In termini di rata, su un mutuo da 120 mila euro a 20 anni, significa circa 28 euro al mese in più, una cifra che non è alla fine determinante nella decisione di acquisto.

Il maggiore rischio per il futuro è invece un irrigidimento da parte delle banche, che potrebbero iniziare a rifiutare le richieste meno “sicure” e ridurre la flessibilità nella valutazione dei requisiti dei potenziali mutuatari. 💻 www.sefimgroup.it info@sefimgroup.it 📞 0985/274518

Related Posts

Write a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WhatsApp chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: